Tuesday, June 22, 2010

Dr William Keel Interview - (English - Italiano)

I also translate the interview in Italian (at the bottom of the English one) with the awareness that it can not make things the same way, even for my poor knowledge of English. I will refine the translation.
Ho tradotto anche in italiano l'intervista (segue quella in inglese) con la consapevolezza di non poter rendere le cose allo stesso modo, anche per la mia scarsa conoscenza della lingua inglese. Raffinerò la traduzione.

This is the second experiment of inteview, started here with Alice, and it's a real honor, and also a pleasure, to host in my blog a scientist which I'm particularly linked.  
This time the interviewed is Dr. William Keel (NGC3314 in GalaxyZoo Forum), a professional astronomer of the University of Alabama, with an enviable Curriculum Vitae and numerous publications to its credit.
It's also my guru of the overlapping galaxies, a Galaxy Zoo project in which I'm particularly involved.

Half65: Dr Keel present yourself to readers.

Dr. William Keel
Dr. Keel: I'm an astronomer working at the University of Alabama. In my younger days I spent several years at Kitt Peak National Observatory, and at Leiden University in the Netherlands. Unlike many colleagues, I started as an amateur astronomer in my backyard. My special interests are in the study of galaxies - interacting galaxies, active galaxies, dust in galaxies, history of galaxies... My approach is strongly observational; the quest for data has taken me to observatories from Hawaii to Russia and from Chile to Arizona, and on to use of instruments in space. My training started in optical astronomy, but later work has taken me occasionally into radio, X-ray, and especially ultraviolet measurements.

Half65: You're a member of the Galaxy Zoo Team. Do you really believe, especially in the beginning, that the project would have been so succesful and would have grown so widely  ?

Dr. Keel: I didn't see this coming - not only the breadth of public interest and engagement, but the depth to which some participants have gone. I would never have expected, for example, the work that some have done in creating web interfaces for side projects, doing SQL  (Ed.: Structured Query Language - A query language for databases) queries and reformatting the results to make charts with auxiliary data (as you have), or the sophisticated way the Pea  (Ed.: Pea Galaxies - Un raro tipo di galassie scoperto dagli utenti di GalaxyZoo) team made their case to the Zookeepers (Ed.: in GalaxyZoo the founder are called Zookeeper). Likewise, I don't think the SDSS team ever expected that human beings would inspect every galaxy in their main sample, or examine all those spectra in detail.

Half65: In you current work of astronomer at what percentage Galaxy Zoo, and derived works, occupy your time ?

Dr. Keel: I recently realized that all my project funding from NASA for various things is related to Galaxy Zoo projects - Hanny's Voorwerp (Ed.: a strange object discovered by one of the users of GalaxyZoo), public outreach programs, and UV analysis of the overlapping-galaxy sample. Beyond that, the Kitt Peak observations of smaller AGN (Ed.: Active Galactic Nucleus) clouds (which we're finishing tonight - Ed.: 8 June 2010) and a SARA (Ed.: Southeastern Association for Research in Astronomy)  program on the occurrence of "dead quasars" are also derived from Galaxy Zoo. As things have developed, much of my involvement has been through projects which began on the forum rather than the original statistical questions the Zoo was designed to answer - one more example of the power of serendipity in astronomy. I became part of the team only after participating on the forum and contacting some of the original Zookeepers, in fact.
Kitt Peak (Credit: P. Marenfeld (NOAO/AURA/NSF))
Half65: How is important, for your teaching activity, to be an active researcher ?

Dr. Keel: As I see it, this enriches the students' experience in at least two ways. Of course, they will be exposed to the latest (and often very exciting) results. My introductory students have seen pictures of Hanny's Voorwerp for a couple of years now when we talk about AGN and their relation to galaxy development. Beyond that, it s very natural for people involved in research to expose students very clearly to the way science works - the interplay of observations and hypothesis informing one another. That is best taught in the context of specific projects, so I often lead students through the tale of how we learned things as well as the results. (I have to say that many participants in the Zoo get this quite clearly, and become deeply involved in research as well as understanding how it works).

Half65: I read that the space missions of the '60 impacted substantially on your subsequent career. I read of your discussion with students about the Apollo missions in which you disprove the evidence brought by those who are convinced that never occured. I confess that without a scientific approach in the eyes of a layman like me and some doubts may be and those explanations are really appreciated. Two questions on the subject.
Because the LEM appears not to sink into the regolith? Why the astronauts don't  made some kind of signal visible to the naked eye?(In an example was cited the possibility to lay a sheet of aluminum to reflect sunlight)

Dr. Keel: Some lunar scientists were quite worried that the regolith wouldn't bear the load of a person even in 1/6 g, because so little was known about whether the fine powdery results of eons of micrometeoroids would behave. The NASA robotic landers - the Surveyors - were designed to have the same load (in kg/cm^2) as was expected for the LM on landing, to test this directly. They also looked at their footpads with the TV cameras to see how deeply they sank. his is outside my actual expertise, but I think the issue is how particles settle over time, especially when impacts generate small vibrations over and over for long times.

I don't think it occurred to anyone working on Apollo that they would need more evidence than photographs, tracking, and samples. There were some ideas kicked around (in both USA and USSR) for the first robotic missions, some as crazy as setting off a nuclear blast to show it had reached its target. The aluminum sheet is an interesting idea to explore - if a 2x1 meter Iridium  (Ed.: a telecommunication satellite) antenna panel can reflect enough sunlight to be seen in daylight 800 km up, how much sunlight would be a bright object from the lunar surface? It would have to stand out against the sunlit lunar surface. If the panel were flat to better than 1/4 degree, it would reflect sunlight to at least the center of its aim point with the same intensity as a perfect mirror (since the Sun appears 1/2 degree in diameter). At the center of its reflected beam, an Iridium can be magnitude -8. So if we put the same 2-m^2 panel at the Moon's distance of 400,000 km, it would appear fainter by 5 * log(400,000/800) = 13.5 magnitudes. If aimed exactly to catch sunlight form part of the Earth, it could be as bright as magnitude 13.5-8 = 5.5. That would be visible telescopically, at least from part of the Earth - since the Sun appears 1/4 as large as the Earth in the lunar sky, only a small part of Earth would see the reflection. To show up to the naked eye, it would have to be much brighter, so it could stand out against the bright Moon - at least 100 times larger in area, 200 m^2 or so, would be needed. This would have to be properly aligned and kept flat to 1/4 degree or better - not impossible, but a considerable technical feat.

Half65: What would you responde to those who ask: "Why study Astronomy ?"

Dr. Keel: For many people, there are probably two questions - what benefit does a person gain from astronomy, and should society pay people to pursue this branch of research? Many people find strength, even exaltation,
form contemplating the vastness and intricacy of the Universe in which we find ourselves. There are all sorts of quotations from famous people making this point. Immediately, I can find these in my file of sayings:

"... if wonder and humility are the best vehicles to bear the soul to its hearth, I should think that a quiet Sunday morning spent at home in controlled meditation on a picture book of galaxies might be an auspicious start for that voyage."
 Joseph Campbell, Creative Mythology, ch. 9 part VI
"Many a man, brought up in the glib profession of some shallow form of Christianity, who comes through reading Astronomy to realize for the first time how majestically indifferent most reality is to man, and who perhaps abandons his religion on that account, may at that moment be having his first genuinely religious experience."
C.S. Lewis, Miracles (chapter 7)

"Whereas other animals hang their heads and look at the ground, he made man erect, bidding him to look up to heaven, and lift his head to the stars."

Or according to CS Lewis, Letters vol. III p. 1267 (16 May 1961), "Whereas other animals look earthwards, he gave to man a lofty countenance and ordered him to contemplate the sky and to raise his erected face ot the stars."
    Ovid (Metamorphoses book I)

"I can never look upon the stars without wondering that the whole world does not become astronomers; and that men, endowed with sense and reason, should neglect a science that must convince them of their immortality."
  Thomas Wright

"What intelligent being, what being capable of responding emotionally to a beautiful sight, can look at the jagged, silvery lunar crescent trembling in the azure sky, even through the weakest of telescopes, and not be struck by it in an intensely pleasurable way, not feel cut off from everyday life here on Earth and transported toward that first stop on celestial journeys?

What thoughtful soul could look at brilliant Jupiter with its four attendant satellites, or splendid Saturn encircled by its mysterious ring, o r a double star glowing scarlet and sapphire in the infinity of night, and not be filled with a sense of wonder?  Yes, indeed:

If humankind - from humble farmers in the fields and toiling workers in the cities to teachers, people of independent means, those who have reached the pinnacle of fame or fortune, even the most frivolous of society women - if they knew what profound inner pleasure awaits those who gaze at the heavens, then France, nay, the whole of Europe, would be covered with telescopes instead of bayonets, thereby promoting universal happiness and peace."
Camille Flammarion, French astronomer, 1880

The other question is one that keeps coming up in political discussions. Does government have any business supporting basic research which doesn't have obvious application to its basic functions? Of course, this answer will differ from place to place depending on the way governments work. I've heard astronomy justified because it pushes technology in advance of commercial needs, as a form of national prestige, and because this is something that great societies do. These are all a little weak to me; I tend to think that it enriches a society, however astronomy is supported and organized.

Half65: Naturally i can't miss a question about Overlapping Galaxies.
When you launched on the Forum the request to report this particular optical alignment did you believe that this combination was rare ? Did you thought to receive so much data to allow the number of observational campaigns that follows ?

Dr. Keel: I had done a lot of work on dust in galaxies with this approach up to about 2000, when we ran out of known nearby candidates (some astronomers would occasionally email me random examples they came across). I could see within a few weeks that we would improve on that dramatically - I showed some pictures at a meeting (in Rome, my only visit there) in the autumn of 2007 to show what new possibilities there were. But a list of over 2000 candidates was beyond what I could have thought of early in the project. Some of these have been very informative - a favorite example is shown in the attached pictures, first a color image taken last month from the 3.5m WIYN telescope (Ed.: Winsconsin, Indiana, Yale & NOAO - Kitt Peak) and then a version processed to show the amount of dust absorption. We now have  4 pairs (one from Hubble, the rest from GZ) with evidence of dust lanes very far out in the galaxy, were the density of stars has dropped too low to find the dust in other ways (and it may even be too cold for current far-infrared techniques, though we hope to test that with Herschel (Ed.: a space observatory).

Color Image WIYN 3.5 mt (Credit: William Keel)

Processed Image (Credit: William Keel)

Half65: Finally you can say what you want.

Dr. Keel: At the risk of sounding poetic but doing it badly, it's an amazing thing that we live in a Universe where stars are born and die, worlds can be made of molten rock, ice, or liquid hydrogen, moons can spray volcanic matter hundreds of km into their skies or have lakes of methane, gigantic black holes can power unimaginable energy release, galaxies can collide and change form, stars can dance in pars, triples, and clusters - and we can start to see and understand it!

Half65: Really a great interview. Thanks Bill for the precious time subtracted to your  and for the beautiful images.  


Questo è il secondo esperimento di intervista, iniziato qui con Alice, ed è un vero onore, oltre che un piacere, ospitare nel mio blog uno scienziato a cui sono particolarmente legato.
Questa volta l'intervistato è il Dr. William Kill (NGC4133 in the GalaxyZoo Forum),  un astronomo professionista dell'Università dell'Alabama, con un invidiabile Curriculum Vitae e numerose pubblicazioni all'attivo.
E' anche il mio guru delle Galassie sovrapposte (Overlapping Galaxies) un progetto di Galaxy Zoo nel quale sono particolarmente coinvolto.

Half65: Dr Keel presenti se stesso ai lettori.

Il Dr. William Keel
Dr. Keel: Sono un astronomo e lavoro per l'Università dell'Alabama.
All'inizio ho trascorso parecchi anni all'Osservatorio Nazionale del Kitt Peak e al'lUniversità di Leiden in Olanda. Al contrario di altri colleghi ho iniziato come astronomo amatoriale nel mio cortile. Sono particolarmente interessato allo studio delle galassie - galassie interagenti, galassie attive, polvere nelle galassie, storia delle galassie, ... Il mio primo approccio è fortemente osservativo.
La ricerca di dati mi ha condotto per vari osservatori, dalle Hawaii alla Russia, dal Cile all'Arizona, ed all'utilizzo degli strumenti spaziali. Il mio addestramento è iniziato con l'astronomia in ottico, ma i lavori successivi mi hano occasionalmente avvicinato all'astronomia radio, dei raggi X e specialmente alla misurazione ultravioletta.

Half65: Lei è un membro del Team di Galaxy Zoo. Ha veramente creduto, specialmente all'inizio, che il progetto sarebbe stato di così grande successo e che sarebbe cresciuto in maniera così ampia ?

Dr. Keel: Non ho intravisto cosa sarebbe successo, non solo l'ampiezza dell'interesse e del coinvolgimento del pubblico, ma neanche la profondità a cui si sono spinti alcuni partecipanti. Non mi sarei mai aspettato, per esempio, il lavoro che molti hanno fatto per creare le interfaccie web per i progetti collaterali, le ricerche in SQL (NdR: Structured Query Language - - Linguaggio di interrogazione per databases) e le formattazioni dei risultati per creare tabelle con i dati ausiliari (come hai fatto tu) o il sofisticato approccio scelto dal team dei Pea (Ndr: Pea Galaxies - Un raro tipo di galassie scoperto dagli utenti di GalaxyZoo) per sottoporre la loro ricerca agli Zookeeper (Ed.: In GalaxyZoo i responsabili sono chiamati ZooKeeper (Guardiani dello Zoo)). Allo stesso modo non penso che il team della SDSS sia aspettasse che degli esseri umani ispezionassero ogni galassia del loro archivio primario o esaminassero nel dettaglio un così alto numero di spettri elettromagnetici.
Half65: Nel suo attuale lavoro di astronomo in che percentuale Galaxy Zoo, ed i progetti derivati, occupano il suo tempo ?

Dr. Keel: Ho realizzato recentemente che tutti i miei progetti finanziati dalla NASA per molti aspetti sono correlati con il progetto Galaxy Zoo - Hanny's woorverp (Ndr: uno strano oggetto scoperto da uno degli utenti GalaxyZoo),  programmi di sensibilizzazione del pubblico e l'analisi ultravioletta dei dati delle galassie sovrapposte. Oltre questo le osservazioni di piccole nubi AGN  (Ndr.: Active Galactic Nucleus - Nuclei Galattici Attivi)(che abbiamo ultimato questa notte - NdR: 8 giugno 2010). ed un programma SARA (Ed.: Southeastern Association for Research in Astronomy) sull'evento del "quasar morto" anch'esso derivato da Galaxy Zoo. Così come si sono sviluppate le cose la maggior parte del coinvolgimento è dipeso da progetti che hanno avuto inizio nel forum più che dalle originali domande statistiche per le quali lo zoo era stato disegnato - un altro esempio della serendipità in astronomia. Infatti io sono divenuto parte del team solo dopo aver partecipato al fourm ed aver contattato alcuni degli originali zookeeper.

Kitt Peak (Credit: P. Marenfeld (NOAO/AURA/NSF))
Half65: Quanto è importante, per la sua attività di insegnante, essere anche un ricercatore in attività ?

Dr. Keel: Per come la vedo io, questo arricchisce le esperienze degli studenti in almeno due modi. Naturalmente verranno a conoscenza (e saranno spesso molto emozionati) dei risultati. I miei studenti dei corsi iniziali hanno visto immagini dell'Hanny's Voorwerp già da un paio d'anni quando parliamo di AGN e delle loro interazioni con lo sviluppo delle galassie.
Oltre questo è veramente naturale per le persone coinvolte nella ricerca spiegare molto chiaramente agli studenti il modo in cui la scienza opera, l'interazione di osservazioni ed ipotesi serve ad entrambi. Queste son meglio sviluppate nel contesto di specifici progetti, cosi, frequentemente, conduco gli studenti attraverso storie su come impariamo le cose così come arrivare ai risultati. (Devo dire che molti partecipanti allo zoo hanno cmpreso questo chiaramente e sono diventati profondamente coinvolti nelle ricerche così come comprendere come funziona il lavoro).

Dr. Keel: Ho letto che le missioni spaziali degli anni '60 hanno influito in maniera notevole sulla sua successiva carriera. Ho letto che discute con gli studenti sulle missioni Apollo confutando le prove portate da chi sostiene che no siano mai avvenute. Confesso che senza un approccio scientifico agli occhi di un profano come me qualche dubbio possa venire e ben vengano tali spiegazioni. Due domande sull'argomento.
Perchè il LEM sembra non affondare nella regolite ? Perchè non è stato fatto un qualche tipo di segnale visibile da tutti ad occhio nudo ? (E' stata ad esempio citata la possibilità di stendere un foglio di alluminio che avrebbe potuto riflettere la luce solare)

Buzz Aldrin - Apollo 11 (Credit: NASA)
Dr. Keel: Molti scienziati lunari erano molto preoccupati che la regolite non avrebbe sopportato il peso di una persona, nemmeno ad 1/6 della gravità, perchè così poco era conosciuto su come la fine polvere, risultato di eoni di impatti di micrometeoriti, si sarebbe comportata. Le sonde robotiche della NASA - i Surveyors (Ispettori) - erano progetate per avere lo stesso carico (in Kg/cmq) previsto per il LM in atterraggio al fine di testare questo direttamente. Inolte guardavano le impronte con delle telecamere per vedere di quanto affondassero. Questo esula dalle mia attuali competenze ma ip penso che il problema dipende da come le particelle si comportano nel corso del tempo, soprattutto quando gli impatti generano piccole vibrazioni in continuazione per lungo tempo.

Io penso che nessuno del progetto Apollo ritenesse necessaro altri al di fuori di fotografie, tracciati e campioni. Ci furono numerose idee scaturite (sia in USA che in Russia) per la prima missione robotizzata, alcune totalmente folli come quella di provocare una esplosione nucleare per mostrare a tutti di aver ragginto il bersaglio. Il foglio di alluminio è un'idea interessante da esplorare, se un pannello d'antenna di 2x1 metro di un Iridium (NdR: satellite per telecomunicazioni) può riflettere sufficiente luce solare da essere visibile di giorno da 800 Km, come dovrebbe essere per essere visibile dalla superficie lunare ? Dovrebbe essere steso sulla superficie lunare esposto alla radiazione solare. Se il pannello fosse più in piano di 1/4 di grado rifletterebbe la luce solare all'incirca nel centro del punto d'incontro dei raggi con la stessa intensità di un specchio perfetto (considerato che il Sole appare con un diametro di 1/2 grado). Al centro di questo fascio di luce un Iridium potrebbe apparire di magnitudine -8. Così se mettessimo lo stesso pannello di 2x2 mt sulla Luna ad una distanza di 400.000 Km apparirebbe più debole di 5*log(400.000/800) = 13.5 magnitudini. Se avesse anche la capacità di catturare parte della luce della Terra dovrebbe avere una magnitudine di 13.5 - 8 = 5.5. Questo lo renderebbe visibile strumentalmente, almeno da una parte della Terra, finchè il Sole apparisse 1/4 della larghezza della Terra nel cielo lunare, solo una piccola parte della Terra vedrebbe la riflessione. Per essere visibile ad occhio nudo dovrebbe essere più brillante, così da essere visibile contro la brillantezza della Luna, almeno 100 volte più grande come area, 200 mq o più sarebbero necessari. Questo dovrebbe essere propriamente allineato e mantenuto in piano, di 1/4 di grado o anche meno. Non impossibile ma tecnicamente complicato.

Half65: Cosa risponderebbe a chi chiedesse: "Perchè studiare l'astronomia ?"

Dr. Keel: Per molte persone probabilmente sono due domande - quali sono i benefici che una persona trae dall'astronomia e se la società dovrebbe pagare le persone per poter effettuare questo genere di ricerche ?
Molte persone traggono forza, addirittura esaltazione, nel comtemplare la vastità e la complessità dell'Universo in cui ci troviamo.
Ci sono tutti i generei di citazioni di persone famose che confermano questo. Su due piedi posso citare le seguenti:

"... se meraviglia ed umiltà sono i mezzi migliori per condurre l'anima al suo cuore, io credo che una tranquilla domenica mattina passata a casa in contemplazione di un libro di fotografie di galassie potrebbe essere una partenza auspicabile per quel viaggio."
 Joseph Campbell, Creative Mythology, ch. 9 part VI

"Più di un uomo, cresciuto all'ombra di qualche debole forma di cristianesimo inculcata da professionisti della loquacità, che arriva a realizzare per la prima volta attraverso letture di astronomia quanto la realtà sia maestosamente indifferente agli uomini, e che forse abbandona la propria religione per tale motivo, possa in quel momento sperimentare la prima vera esperienza religiosa."
C.S. Lewis, Miracles (chapter 7)

"Considerando che gli altri animali chinano la testa e quardano a terra, egli fece l'uomo eretto, consentendogli di guardare in alto al paradiso e sollevare la testa verso le stelle."
 C.S. Lewis, Letters (vol. III p. 1267 - 16 maggio 1961)

"Considerando che gli altri animali guardano a terra, ha dato all'uomo un volto nobile e gli ha ordinato di contemplare il cielo e sollevarsi eretto con il volto verso le stelle."
    Ovidio (Le metamorfosi - Libro I)

"Non posso guardare verso le stelle senza fantasticare perchè tutti nel mondo non si trasformino in astronomi e quegli uomini, dotati di senso e ragione, debbano trascurare una scienza che li convincerebbero della loro immortalità."
  Thomas Wright

"Che cosa significa intelligenza, cosa significa essere capace di rispondere emotivamente ad una bella vista, guardare alla frastagliata, argentea luna crescente tremolante nel cielo azzurro, anche attraverso il più debole dei telescopi, e non essere colpiti in un modo intensamente piacevole, non si sentono tagliati fuori dalla vita quotidiana qui sulla Terra e trasportati verso la prima tappa del viaggio stellare ?

Quale pensiero gentile poteva guardare al brillante Giove con i suoi quattro satelliti che lo seguono, o lo splendido Saturno circondato dal suo anello misterioso, o una doppia stella splendente di scarlatto e zaffiro nell'infinito della notte, e non restare pieno di meraviglia? Sì, infatti:

Se l'umanità - a partire dagli umili contadini nei campi fino ai lavoratori che lavorano duramente nelle città, agli insegnanti, persone con mezzi propri, quelli che hanno raggiunto l'apice della fama o della fortuna, anche la più frivola delle donne di società - se sapessero quanta profonda gioia interiore attende quelli che guardano il cielo, allora la Francia, anzi l'intera Europa, sarebbero coperta con i telescopi, invece che di baionette, promuovendo così la felicità e la pace universale ".

Camille Flammarion, astronomo francese, 1880

L'altra domanda è una di quelle che possono scaturire nel corso di discussioni politiche. I governi hanno programmi di supporto alla ricerca di base che non abbiano applicazioni dirette per le loro funzionalità di base ? Certamente la risposta differisce da paese a paese in considerazione del modo in cui il governo opera. Io ho sentito l'astronomia giustificata perchè poneva le necessità di crescita tecnologica davanti alle esigenze commerciali, come motivo di prestigio nazionale, e perchè questo è quello che fanno le grandi società. Queste ragioni sono un po' deboli per me: io tendo a pensare che ciò che arricchisce una società è un'astronomia supportata ed organizzata.

Half65: Non poteva, naturalmente, mancare una domanda sulla galassie sovrapposte.
Quando ha lanciato la richiesta di segnalare questo particolare allineamento ottico pensava che tale combinazione fosse rara ? Pensava di ricevere così tanti dati da poter effettuare il numero di campagne osservative che si sono susseguite ?

Dr. Keel: Avevo effettuato un sacco di lavoro sulla polvere nelle galassie con questo approccio quando esaurimmo i candidati a noi vicini (alcuni astronomi occasionalmente mi inviavano via e-mail degli esempi in cui si sono casualmente imbattuti). Ho intravisto che avremmo potuto incrementarle drammaticamente - in poche settimane mostrai alcune foto in un incontro (a Roma, la mia unica volta lì) nell'autunno del 2007 per mostrare quali fossero le nuove possibilità. Ma un elenco di oltre 2000 candidati era al di là di quello che avrei potuto immaginare all'inizio del progetto. Alcuni di questi sono stati molto utili - un esempio preferito è mostrato in figura, la prima immagine, scattata il mese scorso con il telescopio WIYN (NdR: Winsconsin, Indiana, Yale and NOAO - Kitt Peak) di 3,5 mt, e la seconda elaborata per evidenziare la quantità di assorbimento dovuta alle polveri.

Ora abbiamo 4 coppie (una dell'Hubble, le altre di GalazyZoo) con evidenza di flussi di polvere molto lontane dalla galassia, dove la densità stellare decade a livelli così bassi  da non poter individuare la polvere in altro modo (e può persino essere troppo freddo per le attuali tecniche di misura nel lontano infrarosso anche se pensiamo di testarlo con Herschel (NdR: un osservatorio spaziale).

Immagine a colori WIYN 3,5 mt (Credit: William Keel)
Immagine elaborata (Credit: William Keel)

Half65: Per concludere può dire quello che vuole.

Dr. Keel: A rischio di sembrare poetico senza riuscirci, è una cosa stupefacente pensare che viviamo in un Universo in cui le stelle nascono e muoiono, i mondi possono essere fatti di roccia fusa, ghiaccio o idrogeno liquido, le lune possono spruzzare materia vulcanica a migliaia di chilometri nei loro cieli o avere laghi di metano, i buchi neri giganti possono rilasciare inimmaginabili quantità di energia, le galassie possono collidere e cambiare forma, le stelle possono danzare in coppia, in trio ed in gruppo e noi possiamo iniziare a vedere e capirle.

Half65: Decisamente una grande intervista. Grazie Bill per il prezioso tempo sottratto al tuo e per le bellissime immagini.

Sunday, June 20, 2010

Overlapping Galaxies - Hubble - (English - Italiano)

Using the new data available from Hubble Galaxy Zoo I have updated the first extraction of Hubble Overlapping Galaxies.
Here the link to view, only in pdf format by now, and here to download.

Usando i nuovi dati disponibili dall'Hubble Galaxy Zoo ho aggiornato la prima estrazione delle Galassie sovrapposte dall'Hubble.
Qui il link per visualizzare, per ora solo in formato pdf, e qui per scaricare.

Saturday, June 19, 2010

I found me on Zooniverse - Sono su Zooniverse - (English - Italiano)

This is for self-celebration.  I'm now also on Zooniverse.

Credit: Zooniverse
Questo è autocelebrativo. Sono anche su Zooniverse

Small Magellanic Cloud (SMC) - Piccola Nube di Magellano - (English - Italiano)

Small Magellanic Cloud (SMC)
ra: 00:52:44.8 - dec: -72°:49:43 - 210.000 l.y. - Dwarf Irregular 

Travelling around our Galaxy we encounter the Small Magellanic Cloud (SMC).
It's an irregular dwarf galaxy, perhaps originally a barred spiral, disrupted by the tidal forces of the Milky Way. It's located at a distance of 210.000 l.y. from Earth.

A stream of hydrogen and stars, the Magellanic Stream, is ejected from the Great Cloud and the Small Cloud (SMC) and connected with the Milky Way. Another stream, similarly composed, extends, however, between the Great and the Small Cloud and is called Magellanic Bridge.

The discovery occurred in 964 by the Persian astronomer Rohman al-Abd al-Sufi but the name was attributed to Ferdinand Magellan who first described it along with the Small Cloud (SMC).


A special thanks to Mr Stéphane Guisard for the use of the astonishing and beautiful picture. At this link you can discover other images and video really interesting. 

Small Magellanic Cloud - Image courtesy of and © Stéphane Guisard,

Piccola Nube di Magellano (SMC)
ra: 00:52:44.8 - dec: -72°:49:43 - 210.000 a.l. - Nana Irregolare

Viaggiando nei dintorni della nostra Galassia incontriamo la Piccola Nube di Magellano (SMC).
E' una gallasia nana irregolare, forse in origine una spirale barrata, disturbata dalle forze di marea generate dalla Via Lattea. E' situata ad una distanza di 210.000 a.l. dalla Terra.

Un flusso di idrogeno e stelle, la Corrente Magellanica, fuoriesce dalla Nube e dalla  Grande Nube (LMC) e si connette con la Via Lattea. Un altro flusso, composto analogamente, si estende, invece, fra la Grande e la Piccola Nube ed è chiamato Ponte Magellanico.

La scoperta avvenne nel 964 da parte dell'astronomo persiano Abd al-Rohman al-Sufi ma il nome fu attribuito a Ferdinando Magellano che per primo la descrisse insieme alla  Grande Nube (LMC).


Un ringraziamento particolare al Sig. Stéphane Guisard per l'utilizzo della stupefacente e bellissima immagine.A questo indirizzo potete scoprire altre immagini e video veramente interessanti.

Monday, June 7, 2010

GalaxyZoo - Documenti Pubblicati - (Italiano)

Il lavoro del Team di GalaxyZoo, coadiuvato dagli oltre 300.000 volontari sparsi in tutto il mondo, continua a dare i suoi frutti.
Questo l'elenco aggiornato delle pubblicazioni, già accettate (Stato in verde) o in corso di approvazione.

TitoloGalaxy Zoo: The Large-Scale Spin Statistics of Spiral Galaxies in the Sloan Digital Sky Survey
AutoriKate Land, Anze Slosar, Chris J. Lintott, Dan Andreescu, Steven Bamford, Phil Murray, Robert Nichol, M. Jordan Raddick, Kevin Schawinski, Alex Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg
StatoInviato 21 marzo 2008 - Accettato 19 maggio 2008
Pubblicato da MNRAS Volume 388, Issue 4, pp. 1686 - 1692

TitoloGalaxy Zoo : Morphologies Derived from Visual Inspection of Galaxies From the Sloan Digital Sky Survey
AutoriChris J. Lintott, Kevin Schawinski, Anze Slosar, Kate Land, Steven Bamford, Daniel Thomas, M. Jordan Raddick, Robert C. Nichol, Alex Szalay, Dan Andreescu, Phil Murray, Jan VandenBerg
StatoInviato 16 aprile 2008 - Accettato 4 luglio 2008
Pubblicato da MNRAS Volume 389, Issue 3, pp. 1179 - 1189

TitoloGalaxy Zoo: The Dependence of Morphology and Colour on Environment
AutoriSteven P. Bamford, Robert C. Nichol, Ivan K. Baldry, Kate Land, Chris J. Lintott, Kevin Schawinski, Anze Slosar, Alexander S. Szalay, Daniel Thomas, Mehri Torki, Dan Andreescu, Edward M. Edmondson, Christopher J. Miller, Phil Murray, M. Jordan Raddick, Jan Vandenberg
StatoInviato 16 maggio 2008 - Accettato 13 novembre 2008
Pubblicato da MNRAS Volume 393, Issue 4, pp. 1324 - 1352

TitoloGalaxy Zoo: A Sample of Blue Early-Type Galaxies at Low Redshift
AutoriKevin Schawinski, Chris J. Lintott, Daniel Thomas, Marc Sarzi, Dan Andreescu, Steven P. Bamford, Sugata Kaviraj, Sadegh Khochfar, Kate Land, Phil Murray, Robert C. Nichol, M. Jordan Raddick, Anze Slosar, Alex Szalay, Jan VandenBerg, Sukyoung K. Yi
StatoInviato 14 giugno 2008 - Accettato 19 marzo 2009
Pubblicato da MNRAS Volume 396, Issue 2, pp. 818 - 829

TitoloGalaxy Zoo: 'Hanny's Voorwerp', a Quasar Light Echo ?
AutoriChris J. Lintott, Kevin Scawinski, William Keel, Hanny van Arkel, Edward Edmondson, Daniel Thomas, Nicola Bennert, Danieal J.B. Smith, Peter D. Herbert, Matt J. Jarvis, Dan Andreescu, Steven P. Bamford, Kate Land, Phil Murray, Robert C. Nichol, M. Jordan Raddick, Anze Slosar, Alex Szalay, Jan Vandenberg
StatoInviato 15 luglio 2008 - Accettato 23 giugno 2009
Pubblicato da MNRAS Volume 399, Issue 1, pp. 129 - 140

TitoloGalaxy Zoo: Chiral Correlation Function of Galaxy Spins
AutoriAnze Slosar, Kate Land, Steven Bamford, Chris J. Lintott, Dan Andreescu, Phil Murray, Robert Nichol, M. Jordan Raddick, Kevin Schawinski, Alex Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg
StatoInviato 12 settembre 2008 - Accettato 22 ottobre 2008
Pubblicato da MNRAS Volume 392, Issue 3, pp. 1225 - 1232

TitoloGalaxy Zoo: Disentangling the Environmental Dependence of Morphology and Colour
AutoriRamin A. Skibba, Steven P. Bamford, Robert C. Nichol, Chris J. Lintott, Dan Andreescu, Edward M. Edmondson, Phil Murray, M. Jordan Raddick, Kevin Schawinski, Anze Slosar, Alexander S. Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg
StatoInviato 20 novembre 2008 - Accettato 29 giugno 2009
Pubblicato da MNRAS Volume 399, Issue 2, pp. 966 - 982

TitoloGalaxy Zoo: The Fraction of Merging Galaxies in the SDSS and Their Morphologies
AutoriD. W. Darg, Sugata Kaviraj, Chris J. Lintott, Kevin Schawinski, Marc Sarzi, Steven P. Bamford, J. Silk, Dan Andreescu, P. Murray, R. C. Nichol, M. Jordan Raddick, Anze Slosar, Alex S. Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg
StatoInviato 28 novembre 2008 - Accettato 8 settembre 2009
Pubblicato da MNRAS Volume 401, Issue 2, pp. 1043 - 1056

TitoloGalaxy Zoo: An Unusual New Class of Galaxy Cluster
AutoriMarven F. Pedbost, Trillean Pomalgu, the Galaxy Zoo Team.                                
StatoInviato marzo 2009


TitoloGalaxy Zoo: The Properties of Merging Galaxies in the Nearby Universe - Local Environments, Colours, Masses, Star-formation Rates and AGN Activity
AutoriD. W. Darg, Sugata Kaviraj, Chris J. Lintott, Kevin Schawinski, Marc Sarzi, Steven P. Bamford, J. Silk, Dan Andreescu, P. Murray, R. C. Nichol, M. Jordan Raddick, Anze Slosar, Alex S. Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg
StatoInviato 16 marzo 2009 - Accettato 25 settembre 2009
Pubblicato da MNRAS Volume 401, Issue 3, pp. 1552 - 1563

TitoloGalaxy Zoo Green Peas: Discovery of A Class of Compact Extremely Star Forming Galaxies
AutoriCaroline Cardamone, Kevin Scawinski, Marc Sarzi, Steven P. Bamford, Nicola Bennert, C.M. Urry, Chris J. Lintott, William C. Keel, John Parejiko, Robert C. Nichol, Daniel Thomas, Dan Andreescu, Phil Murray, M. Jordan Raddick, Anze Slosar, Jan Vandenberg
StatoInviato 10 aprile 2009 - Accettato 9 luglio 2009
Pubblicato da MNRAS Volume 399, Issue 3, pp. 1191 - 1205

TitoloGalaxy Zoo: A Correlation Between Coherence of Galaxy Spin Chirality and Star Formation Efficiency
AutoriRaul Jimenez, Anze Slosar, Licia Verde, Steven P. Bamford, Chris J. Lintott, Kevin Scawinski, Robert Nichol, Dan Andreescu, Kate Land, Phil Murray, M. Jordan Raddick, Alex Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg
StatoInviato 9 giugno 2009 - Accettato 11 gennaio 2010
Pubblicato da MNRAS Volume 404, Issue 2, pp. 975 - 980

TitoloGalaxy Zoo: Reproducing Galaxy Morphologies Via Machine Learning
AutoriManda Nanerji, Ofer Lahav, Chris J. Lintott, Filipe B. Abdalla, Kevin Scawinski, Steven P. Bamford, Dan Andreescu, Phil Murray, M. Jordan Raddick, Anze Slosar,  Alex Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg
StatoInviato 4 agosto 2009 - Accettato 17 marzo 2010
In corso di pubblicazione MNRAS

TitoloGalaxy Zoo: Dust in Spirals
AutoriKaren L. Masters, Robert C. Nichol, Steven P. Bamford, Moein Mosleh, Chris J. Lintott, Dan Andreescu, Edward M. Edmondson, William C. Keel, Phil Murray,  M. Jordan Raddick, Kevin Schawinsky, Anze Slosar, Alex S. Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg.
StatoInviato 17 agosto 2009 - Accettato 12 gennaio 2010
Pubblicato da MNRAS Volume 404, Issue 1, pp 792 - 810

TitoloGalaxy Zoo: Exploring the Motivations of Citizen Science Volunteers
AutoriM. Jordan Riddick, Georgia Bracey, Pamela Gay, Chris J. Lintott, Kevin Scawinski, Alex Szalay, Jan Vanderberg
StatoInviato settembre 2009


TitoloGalaxy Zoo: Passive Red Spiral
AutoriKaren L. Masters, Moein Mosleh, A. Kathy Romer, Robert C. Nichol, Steven P. Bamford,  Kevin Schawinsky, Chris J. Lintott, Dan Andreescu, Heather C. Campbell, Ben Crowcroft, Isabelle Doyle, Edward M. Edmondson,  Phil Murray,  M. Jordan Raddick, Anze Slosar, Alex S. Szalay, Jan Vandenberg.
StatoInviato 19 ottobre 2009 - Accettato 10 febbraio 2010
Pubblicato da MNRAS online.

TitoloRevealing Hanny's Voorwerp: radio observations of IC 2497
AutoriG. I. G. Jozsa, M. A. Garrett, T. A. Oosterloo, H. Rampadarath, Z. Paragi, Hanny van Arkel, Chris Lintott, William C. Keel, Kevin Scawinski, Edd Edmondson
Pubblicato da Astronomy & Astrophysics - A&A 500, L33-L36 (2009)

TitoloGalaxy Zoo: The Fundamentally Different Co-evolution of Supermassive Blach Holes and Their Early-and late-type Host Galaxies
AutoriKevin Schawinsky, C. Megan Urry, Shanil Virani, Paolo Coppi, Steven P. Bamford, Ezequiel Treister, Chris J. Lintott, Marc Sarzi, William C. Keel, Sugata Kaviraj, Carolin N. Cardamone, Karen L. Masters, Nicholas P. Ross, Dan Andreescu, Phil Murray, Robert C. Nichol, M. Jordan Raddick, Anze Slosar, Alex S. Szalay, Daniel Thomas, Jan Vandenberg.
StatoInviato gennaio 2010


TitoloGalaxy Zoo: Bars in Disk Galaxies
AutoriKaren L. Masters, Robert C. Nichl, Ben Hoyle, Chris J. Lintott, Steven Bamford, Edward M. Edmondson, Lucy Fortson, William C. Keel, Kevin Schawinsky, Arfon Smith, Daniel Thomas.       
StatoInviato febbraio 2010


Friday, June 4, 2010

Solar Stormwatch - Italiano

Come già specificato in precedenti posts le informazioni, in Italia, sui progetti derivati da Galaxy Zoo, non sono molto diffuse ad esclusione di scarni trafiletti sul alcune riviste e siti specializzati. Ho così pensato, come fatto in precedenza, di scrivere un post solo in Italiano.
As just said in previous posts the information, in Italy, on project derived from GalaxyZoo are not very common except little article on some specialized magazines and websites.I thougth so, as before, to write a post only in Italian.

Un altro progetto particolarmente interessante e di carattere decisamente diverso dai progetti di classificazione precedenti è sicuramente costituito dal Solar Stormwatch.

Questa volta ad essere oggetto di studio è il nostro Sole ed in particolare le tempeste solari (Solar Storm).
Le tempeste solari sono delle massicce esplosioni di particelle ad alta energia, che avvengono nella Corona solare, in grado di proiettare nello spazio fino a 10 miliardi di tonnellate di materiale. Tali tempeste possono creare notevoli disturbi e danneggiare o distruggere i satelliti artificiali o provocare interruzioni di corrente sulla Terra. Sono inoltre estremamente pericolose per gli astronauti, soprattutto se impegnati in attività extraveicolari.

Nonostante l'altissima velocità, circa 1.6 milioni di Km/h, impiegano dai 3 ai 4 giorni per raggiungere il nostro pianeta, dovendo coprire una distanza di circa 150 milioni di Km.

Questo tempo è sufficiente per poter individuare il fenomeno e dare l'allarme.

Il progetto si basa sui dati forniti dalla missione
STEREO (Solar TErrestrial RElations Observatory) che consiste in sue sonde di osservazione, quasi identiche, poste sull'orbita terrestre nei punti di Lagrange L4 e L5,  una in posizione più avanzata rispetto al pianeta (AHEAD - L4) e l'altra in posizione arretrata (BEHIND - L5) in grado di fornire una visione tridimensionale della nostra stella.
(Credit: Solar Storm)

Ai partecipanti viene richiesto di visionare dei filmati, riferiti a dati storici, che mostrano contemporaneamente dlele immagini delle due sonde (SPOT) e di individuare in essi l'eventuale presenza di tempeste solari indicando se appaiono solo in una (AHEAD o BEHIND) o in entrambe (BOOTH) e, qualora presenti, fornire altri dettagli quali ad esempio l'inizio del fenomeno o il raggiungimento di una certa posizione.

E' inoltre richiesto (WHAT'S THAT) di individuare la presenza di altri fenomeni ottici (Optical Effect) o di comete (Comet) ovvero di particelle (Particle Strike).

Cometa (Credit: SolarStorm)
Particelle (Credit: Solar Storm)

E' poi presente un'opzione che consente di osservare le immagini quasi in tempo reale (INCOMING!) ed individuare eventuali tempeste in arrivo.

(Credit: Solar Storm)

I filmati presentati rivestono un interesse particolare non solo da un punto di vista scientifico ma anche scenografico. Ho trovato particolarmente affascinanti i filmati in cui appaiono comete.

Come per gli altri progetti è presente una sezione dalla quale apprendere come svolgere le analisi. In particolare sono presenti alcuni filmati che consento la rapida comprensione del compito da svolgere.

Anche per questo progetto sono presenti un Forum ed un Blog dedicati nel quale porre domande e curiosità o seguire l'andamento degli studi direttamente dai ricercatori.

Come al solito il consiglio è provare.


Boötes Dwarf (Boo I dSph) - Nana di Boote - (English - Italiano)

Boötes Dwarf (Boo I dSph)
ra: 14:00:06 - dec: +14:30:00 - 197.000 l.y. - spheroidal

Keep moving away from the Milky Way, after the Large Magellanic Cloud (LMC) we encounter the Boötes Dwarf Galaxy, located at a distance of 197,000 a.l. from Earth.

The galaxy appears to be a spheroid highly disturbed by the gravitational tidal wave of our Galaxy that have stripped away a lot number of stars that now formed a double cross-shaped tail.

It's the fainter galaxy near us and was discovered width the SDSS (Sloan Ditigal Sky Survey) data only in 2006.


(Credit: Vasily Belokurov, SDSS-II Collaboration)

Nana di Boote (Boo I dSph)
ra: 14:00:06 - dec: +14:30:00 - 197.000 a.l. - sferoidale

Continuando ad allontanarci dalla Via Lattea, dopo la Grande Nube di Magellano (LMC), si incontra la galassia nana di Boote, ad una distanza di 197.000 a.l. dalla Terra.

La galassia appare come uno sferoide notevolmente disturbato dalle forze gravitazionali di marea della nostra Galassia che ne hanno strappato via numerose stelle che ora formano una doppia coda a forma di croce.

E' la più fioca delle galassie a noi prossime ed è stata scoperta grazie ai dati dello SDSS (Sloan Digital Sky Survey) solo nel 2006.


Wednesday, June 2, 2010

New Blog Page

I discover the new possibility of Blogger to create static pages. I decide to create one to store some links.

Ho scoperto la nuova possibilità offerta da Blogger di creare pagine statiche. Ho deciso di crearne una per archiviare alcuni links.