Monday, May 31, 2010

MoonZoo - (Italiano)

Come già specificato in precedenti posts le informazioni, in Italia, sui progetti derivati da Galaxy Zoo, non sono molto diffuse ad esclusione di scarni trafiletti sul alcune riviste e siti specializzati. Ho così pensato, come fatto in precedenza, di scrivere un post solo in Italiano.
As just said in previous posts the information, in Italy, on project derived from GalaxyZoo are not very common except little article on some specialized magazines and websites.I thougth so, as before, to write a post only in Italian.

L'ultimo progetto in ordine di tempo ad essere stato introdotto nello Zooniverse è MoonZoo.

Lo scopo è quello di effettuare la mappatura dei crateri lunari, sia come numero e dimensione, a partire da una misura minima prefissata, sia in base ad alcune caratteristiche peculiari, quali la presenza di strutture o colorazioni particolari, eventuali strutture lineari o eventuali oggetti derivanti dalle esplorazioni spaziali.
Credit: NASA.
Le immagini presentate hanno una risoluzione particolarmente elevata essendo tratte dal Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO).
Il LRO è una sonda in orbita intorno al nostro satellite, lanciata nel 2009, con lo scopo di fornire la prima accurata mappa tridimensionale della Luna. Trasporta numerosi strumenti ed in particolare tre macchine fotografiche: una Wide Angle Cameras e due Narrow Angle Camera. Da queste ultime sono tratte le immagini di Moon Zoo.

Le immagini rivestono un fascino particolare, almeno per me, facendomi tornare alla memoria le ore passate, soprattutto da ragazzo, ad osservare il satellite terrestre, prima ad occhio nudo, poi con un binocolo e finalmente mediante un telescopio.

Il progetto prevede due tipi di classificazioni.
Un esempio di Survey (Credit: MoonZoo)
La prima chiamata "Crater Survey" (Indagine Crateri) si basa sulla presentazione di una immagine nella quale devono essere selezionati i crateri più grandi di un cerchio di misura data, dimensionabile tramite mouse. E' quindi possibile segnare, attraverso un selettore rettangolare, aree particolari ed indicare cosa contengono.
In particolare è possibile indicare:
- Relitti Spaziali (Spacecraft Hardware);
- Caratteristiche dei Crateri (Craters):
Terrazzati/Picchi/Piatti (Bench/Mound/Flat);

Alone scuro (Black Haloed);

Bianchi Recenti (Fresh White);

Bordi Elongati (Elongated Pits);
- Strutture Lineari (Linear Features): Tracce di Massi (Boulder Tracks);
Catene di Crateri (Crater Chain);

Canali Sinuosi (Sinuous Channels);

Altre Strutture Lineari (Other Linear Feauture);
- Altro (Other).

Di seguito alcuni esempi.
Cratere Terrazzato (Credit: MoonZoo - NASA)

Cratere Recente Bianco (Credit: MoonZoo - NASA)
Tracce di Massi (Credit: MoonZoo - NASA)

Canale Sinuoso (Credit: MoonZoo - NASA)

E' inoltre possibile indicare se un cratere contiene rocce e se in numero esiguo (Some) o numerose (Many).

Un esempio della Guerra dei Massi (Credit: MoonZoo)
L'altra tipologia di classificazione è costituita dalla "Boulder Wars" (Guerra dei Massi) nella quale vengono presentate due immagini contemporaneamente per consentire la loro comparazione e decidere quale contiene più massi o se non sono presenti in nessuna delle due. Prima di effettuare la scelta è possibile anche qui selezionare aree particolari segnalandone le caratteristiche già elencate.

Correlato con il progetto ci sono un Forum ed un Blog dedicato.
Nel Forum è possibile porre domande e segnalare curiosità mentre nel Blog è possibile seguire l'evolversi del progetto.

Di particolare rilevanza le pagine dedicate allo studio della Luna dalle quali è possibile apprendere numerose nozioni sulla sua formazione, struttura e composizione.

In conclusione un progetto particolare e di carattere decisamente diverso dai progetti di classificazione precedenti. Le immagini, come già accennato, sono particolarmente interessanti e molto variabili anche in funzione dellle condizioni di luce in cui sono state scattate.

Il consiglio come sempre è di provare e sicuramente non resterete delusi.


Thursday, May 27, 2010

Overlapping Galaxies - Hubble - (English - Italiano)

As I said in other post  I'm interested in Overlapping Galaxies.
The new Hubble GalaxyZoo made the possibility to discovering new overlapping galaxies.
I'm starting the extraction and normalization of data for to Dr. William Keel (NGC3314 on the GalaxyZoo Forum), the astronomer that create the original Overlapping thread, to help in the selection of galaxies for a professional study and possible future observation campaigns (more ...).
Those data will be frequently updated, due to the new posts of the GalaxyZoo members, in the new Hubble Overlapping Galaxies Thread.
Here is the first extraction (very rough by now). Here the link to download the pdf file.

Come detto in altri post sono interessato alle Galassie sovrapposte (Overlapping Galaxies).
Il nuovo progetto Hubble GalaxyZoo rende possibile la scoperta di nuove Galassie di questo tipo.
Ho iniziato l'estrazione e la normalizzazione dei datida inviare al Dr. William Keel (NGC3314 sul Forum di GalaxyZoo), l'astronomo che ha creato l'argomento Galassie Sovrapposte, come aiuto per la selezione delle galassie per uno studio professionale ed eventuali future campagne osservative (altro ...)
Questi dati cambiano frequentemente, grazie ai nuovi posts dei membri di GalaxyZoo nel nuovo Hubble Overlapping Galaxies Thread, ed effettuerò nuove estrazioni.
Questo il link alla prima estrazione (ancora molto embrionale). Questo il link per scaricare il file in pdf.


Saturday, May 22, 2010

Alice Interview - (English - Italiano)

I also translate the interview in Italian (at the bottom of the English one) with the awareness that it can not make things the same way, even for my poor knowledge of English. I will refine the translation.
Ho tradotto anche in italiano l'intervista (segue quella in inglese) con la consapevolezza di non poter rendere le cose allo stesso modo, anche per la mia scarsa conoscenza della lingua inglese. Raffinerò la traduzione.
Surfing the net I came across several interviews published both on various official sites and on blogs, and I started thinking that it would be an interesting experiment to do. Even more interesting to interview someone over the network without ever having met in person and in a language that is not mine.
My Blog talks about astronomy so I immediately thought of someone “known” through GalaxyZoo.

I decided to interview Alice.

For participants in the GalaxyZoo Project and especially for the members of the related forum, Alice needs no introduction.

But I will not anticipate anything, even if I believe that  the result is quite interesting, so I don't want to ruin the surprise and go immediately to the interview.

Half65: Introduce yourself to the Blog readers.

Alice: Hi, I'm Alice - Alice in Galaxyland to the blogosphere and PenguinGalaxy to the twittersphere - but, to the Galaxy Zoo Forum, I'm that mad bossy moderator who has been there since the beginning. For many years I was a bored girl in poor health, trying out lots of jobs and living in lots of places, and not really getting anywhere with anything. While I was training to be a science teacher, I discovered Galaxy Zoo. I was effectively told by the teaching profession to choose between one or the other. I choose the zoo.

Half65: How do you get in touch with GalaxyZoo Team ?

Alice: You mean how do I pass all the forum messages on? Hah! I PM and e-mail them mercilessly, poor things. If you mean how did I get to meet them, that is a long story. Chris Lintott (Ed: Astrophysicist, promulgator and more) wrote "BANG!" with Brian May (Ed.: Yes, the Queen legendary guitarist) and Sir Patrick Moore (Ed: Astronomer, promulgator and many, many, many more) when I was 24, and set up a website for questions. I wrote in, reviewed the book on Amazon, and met them at Astrofest (Ed: a major conference on astronomical themes, which takes place every year in Kensington (London)). Chris was ever so friendly about answering my often ignorant questions and rants about education. He gave a free public lecture one evening, and I completed a practical early so that I could go along. The lecturer wasn't pleased, but it was one of the most fortunate journeys I ever made. It's always worth talking to scientists - that is, if you are interested in their work or have something to say.

Half65: Did you ever think of becoming the moderator of a forum ?

Alice: Never. A few months previously I had to ask my sister what a moderator was.

Half65: What prompted you to play this essential role of moderator ?

Alice: I was dumbfounded to get a PM from Chris, within a few minutes of signing up, asking me "to moderate some of the boards for us - just keep an eye out for swearing and spam generally." I soon found out that a lot more needed doing than that, and with huge encouragement from Zookeeper Kevin (Ed: Astronomer and one of the founders of GalaxyZoo Team. In GalaxyZoo the founder are called ZooKeeper) and from users, I gained the confidence to see myself as actively running the place.

Half65: What was the biggest challenge you encountered in moderating the forum ?

Alice: When a lot of people, or prominent people, seriously disagree with the way I've run things. I found out about a campaign to get me sacked, which was more stressful than I should have let it be. On the one hand I get so many letters telling me that it's the most civilised and relaxing place on the Internet (Ed: I  can testify this) because I don't allow all the things that other forums allow (swearing; links to sexual stuff or sexual language, long rows about religion/politics/UFOs/climate change; battles between individuals instead of a community which credits each member's contribution; routine flame wars). On the other hand I get accusations of repression and not allowing free speech, which probably appear quite fair to people who don't participate much. Frankly, though, there's quite enough  sites people can do those things - Galaxy Zoo is where we go to have a break from that, and a strict atmosphere works very well. However, the community itself sets the tone nowadays and incredulity has less effect, so I very rarely have to fight these battles any more.

Half65: Have you ever regretted your decision?

Alice: Have you ever regretted your ability to breathe? Seriously, it's both like going on my first real journey, and like finding my first real home.

Half65: Tell us something about GalaxyZoo. Why should anyone participate? Because the project is important from a scientific point of view?

Alice: There are a thousand reasons to give it a try. Why not have a look at what the Universe looks like, the place which made you, the place which is so vast we can explore it for the rest of our lives? Why not see the heartbreaking beauty of starforming nebulae, of peaceful golden ellipticals whose inner workings conceal great violence, of delicate mathematical spirals which build up such marvellous patterns? Socially, too, I recommend taking part in what today's scientists are doing. Science is what moves a culture on, creates history, promises a future. It distinguishes each age. By contributing to science, you immortalise yourself in a tapestry of human accomplishment.

My favourite feature is that this project uses people in a new and very active way. It doesn't just study people, or ask you to download a program. You learn a lot, and besides spotting something unique you might also influence the way data are collected - collecting something new, for example, or trying to correlate one thing with another in a way that hasn't been done before. My impression is that the Zoo's findings are contributing hugely to cosmology - I don't know whether it's Nobel Prize worthy discoveries or not, but I do know it's a new step in the way science is done.

Half65: What would you say to those who think that participating is just a waste of time ?

Alice: I'd smile, tell them I feel absolutely no need to force it on anyone, and let them be. Of course, if they ask me any questions, it will take a long time to shut me up. Actually I often feel slightly abashed at parties or meetings when somebody asks me what I do and, before I know it, the whole room is listening.

Half65: In your experience as a teacher you think these projects are important also from an educational perspective ?

Alice: My experience as a teacher was very painful - I never completed the course - so, sadly, at the moment I'm quite cynical. I aim to grow out of that day by day and get more helpful! It was a great grief to me that I could not stray off the pre-ordered lesson plan even for one minute to tell the pupils something interesting, even if they were listening raptly - or that we couldn't take a little time off work to just marvel at things, swap scientific stories, and show them what was there on the horizon. I had to stick to "the objectives" and pre-set questions "because they won't understand  it" or "you are wasting their valuable exam preparation time". It made me sick that everything was about exams. It is rather telling how many people see a galaxy and discussion thread, and say: "This guessing is just confusing, what is the RIGHT answer?" When I explain to them that there isn't a right answer, it's not in the back of a hidden textbook, there is no test, and we are the ones generating the first guesses at any answers, it comes as an absolute revelation.

To me, school science was a prison without windows, but projects like the zoo set you free. You can enjoy yourself, you don't have to worry about exams and targets and government hoops, it is about your interest. And you have a genuine mission, not a rehearsal tick-box exercise. You see, and do, science as it actually is rather than the entirely incorrect impression of it you get at school. I think a lot of people dislike and indeed despise science, preferring to turn to fanciful things such as astrology and psychics which seem more imaginative and personable, because they got so turned off at school. To get involved in projects such as Galaxy Zoo teaches you about the proper scientific method, as well as the wonder of what is really out there, and familiarity with this probably allows people to make better decisions. A more scientifically literate society, for example, will choose policies by evidence rather than by tabloid hype. I am really very, very ambitious for what projects like Galaxy Zoo can achieve for education and society as well as for science.

Half65: In addition to moderating the forum very well you’re actively involved in disseminating knowledge in astronomy and science in general. Have you ever had the feeling of being snubbed by studioso and scientists or you perceived sense of detachment from them ?

Alice: Why thank you! No, people don't usually snub me at all. Of course I am often corrected by more knowledgeable people, for which I'm grateful (the ones who do so insultingly either reform or don't last here long). Also I'm occasionally profiled by the media as a zoo user, but the results of this can look a little flat as they usually ask me about my not-very-much-any-more classifying rather than my forum work, but that's not anybody's fault. I have received an embarrassing but very touching number of accolades from scientists and from people about my efforts to explain and enthuse - these never fail to move me, not to mention spur me on to work harder to get things right (I dread to think of the number of people I might have misinformed). I do sometimes wish I could work more closely with the zookeepers, but as I got to know them - and they are very kind about explaining things to me - I am glad I am not an academic. Academia is not my thing: instead I am very privileged to have my own niche.

Half65: You recently attended the international “She is an Astronomer” Conference. Can you describe briefly what is the initiative ?

Alice: Worldwide, not very many women are astromoners, and it varies from country to country - some having half of each gender and others having no women at all. It is fairly clear that this is due to social issues, not to women being less good at it than men, so "She is an Astronomer" wanted to get a lot of female astronomers together to discuss what could encourage more women into science and why so many drop out at higher levels. We discovered a lot of unconscious and unintended prejudice, from both genders. We agreed that we should get out into the public more, not concentrate quietly on our own work, and make sure we nominate women for awards and invite them as speakers. On the other hand, we also felt that academia should do some changing, rather than expect women to become more like men. It was a really terrific conference and I do hope I've been a useful part of such an important movement.

Half65: Now you can say what you want.

Alice: What, aren't you bored yet? Well, I wish I had more time - or rather, I wish I could organise my time better - to get up to speed with all the Hubble Zoo things going on. I feel a bit left behind and people are pointing out to me that all our tutorials are revoltingly out of date. On the other hand, the community is so large and knowledgeable now that I can't do it on my own - and wouldn't want to. I have the feeling I'm going to fade into the woodwork a bit as there get to be more and more zoo projects out there, and more and more interested people, so I'm starting to look for some specialities!

Half65: One last question. What did you think when I asked you to do this interview ?

Alice: I was very flattered and grateful to be allowed to go on so much (do please cut out anything you like! (Ed: Impossible, what cut away '?). You asked some extremely interesting, penetrating and knowledgeable questions, by the way, showing yourself to be a real expert on what is happening  (Ed: as usual always exceedingly kind with me). You're an excellent interviewer, I think, asking just the right questions to tell some in-depth, revealing stories, and I can't wait to read those you do with other people! (Ed: who knows that is not the first and last).

Half65: Interesting, isn't it.
It been a great experiment and even a very good exercise, especially to improve my English. 
Naturally choosing Alice already knew to be safe.
Many thanks for the depth and sincerity of the answers.Alice is always a fundamental point of reference for the zoo.
Thanks Alice.


Navigando in rete mi sono imbattuto in diverse interviste pubblicate sia sui siti ufficiali che su vari blog ed ho iniziato a pensare che sarebbe stato un esperimento interessante da fare. Ancora più interessante intervistare qualcuno sulla rete e senza averlo mai incontrato di persona ed in una lingua che non è la mia.Il mio blog parla di astronomia così ho pensato subito a qualcuno "conosciuto" attraverso GalaxyZoo.

Ho deciso di intervistare Alice.

Per i partecipanti al progetto GalaxyZoo e soprattutto per i membri del Forum correlato, Alice non ha bisogno di presentazioni.

Ma non voglio anticipare nulla e rovinare la sorpresa e passare subito all'intervista.

Half65: Presentati ai lettori del Blog.

Alice: Ciao, io sono Alice - Alice in Galaxyland (Alice nel Paese delle Galassie) nel mondo dei blog (blogosphere) e PenguinGalaxy (GalassiaPinguino) nel mondo fi Twitter (Twittersphere) ma, nel forum di GalaxyZoo, sono quella pazza moderatrice prepotente che sta' li fin dall'inizio. Per molti anni sono stata una ragazza annoiata ed in cattiva salute, provando un sacco di lavori e vivendo in molti posti diversi e non ricavando in realtà niente da nessun posto. Mentre venivo addestrata per diventare un'insegnante di scienze ho scoperto GalaxyZoo. Fui costretta dalla professione di insegnante a scegliere tra una o l'altro. Ho scelto lo Zoo.

Half65: Come sei entrata in contatto con il Team di GalaxyZoo.

Alice: Vuoi dire come faccio a gestire tutti i messaggi del forum ? Hah ! Io invio loro messaggi personali (PM) ed e-mail senza pietà, poveretti. Se intendi come ho fatto ad incontrarli, questa è una lunga storia.
Chris Lintott (NdR: astrofisico, divulgatore ed altro ancora) ha scritto "BANG !" con Brian May (NdR: Sì, il leggendario chitarrista dei Queen) e Sir Patrick Moore (NdR: astronomo, divulgatore ed altro, altro ed altro ancora), quando io avevo 24 anni, e venne creato un sito nel quale porre domande. Scrissi nel sito, feci una recensione del libro su Amazon e li incontrai all'AstroFest (NdR: una importante conferenza su temi astronomici che si svolge ogni anno a Kensington (Londra)). Chris fu così amabile nel rispondere alle mie domande da ignorante e nell'ascoltare le mie invettive contro l'insegnamento. Tenne una conferenza pubblica gratuita una sera e così completai il mio percorso iniziale in modo da poter andare avanti. Il conferenziere non fù contento ma fu per me uno dei viaggi più fortunati che abbia mai fatto. Vale sempre la pena parlare con gli scienziati - tutto qui, se siete interessati al loro lavoro o avete qualcosa da dire.

Half65: Avresti mai pensato di diventare la moderatrice di un Forum ? 

AliceMai. Alcuni mesi prima avevo dovuto chiedere a mia sorella cosa fosse un moderatore.

Half65: Cosa ti ha spinto a svolgere questa fondamentale funzione di moderatore ? 

AliceFui sbalordita nel ricevere un Messaggio Personale (PM) da Chris a pochi minuti dalla mia registrazione chiedendomi di "moderare alcuni degli argomenti per noi - di tenere d'occhio il linguaggio offensivo e lo spam in generale". Mi accorsi presto che c'erano molte più cose da fare oltre queste e grazie all'enorme incoraggiamento ricevuto dallo Zookeeper Kevin (Ndr: Astronomo ed uno dei fondatori del Team GalaxyZoo. In GalaxyZoo i responsabili sono chiamati ZooKeeper (Guardiani dello Zoo)) e dagli utenti sono diventata fiduciosa nel vedermi in grado di condurre il gioco.

Half65: Quale è stata la difficoltà maggiore che hai incontrato nel moderare il forum ?
Alice: Quando numerose persone, o persone importanti, esprimono un forte disaccordo con il modo in cui gestisco le cose. Ho scoperto anche una campagna tesa a farmi licenziare. che è stata così stressante che avrei dovuto lasciar andare le cose così come andavano. Da una parte ricevo così tante lettere che mi dicono che è il posto più civile e rilassante su internet (Ndr: Io posso testimoniare questo) perchè non permetto tutte le cose che altri forum permettono (linguaggio volgare, link a sfondo sessuale o linguaggio sessuale, lunghi dibattiti su religione/politica/UFO/cambiamenti climatici, guerra all'individualità in contrapposizione con una comunità che da credito al contributo di ogni singolo membro, le solite catene di insulti). Dall'altro lato ricevo accuse di repressione e di non permettere la libertà di parola, che probabilmente è l'impressione che riceve la gente che non partecipa molto. Francamente, però, ci sono già abbastanza siti dove le persone possono fare quelle cose - GalaxyZoo è dove andiamo per avere una pausa da questo ed un ambiente rigoroso funzinoa molto bene. Tuttavia, oggigiorno la comunità stessa definisce il tono e l'incredulità ha meno effetto, così ho dovuto raramente combattere questa battaglia altre volte.

Half65: Ti sei mai pentita della tua scelta ?

Alice: Hai mai rimpianto la tua capacità di respirare ? Seriamente, è come fare il mio primo viaggio reale e come trovare la mia prima vera casa.

Half65: Raccontaci qualcosa di GalaxyZoo. Perchè si dovrebbe partecipare ? Perchè il progetto è importante da un punto di vista scientifico ?

Alice: Ci sono mille motivi per fare un tentativo. Perchè non dare un'occhiata a come l'Universo appare, il luogo che ti ha creato, il luogo così vasto che potremmo esplorarlo per il resto della nostra vita ? Perchè non vedere la bellezza straziante delle nebulose in cui si formano le stelle, la pace trasmessa dalle dorate ellittiche il cui interno nasconde una grande violenza, le delicate matematiche spirali che costruiscono tali modelli meravigliosi ? Da un punto di vista sociologico, inoltre, vi consiglio di prendere parte a quello che gli scienziati di oggi stanno facendo. La scienza è ciò che fa evolvere una cultura, crea la storia, promette un futuro. Caratterizza ogni era. Contribuendo alla scienza, resterete immortalati nell'arazzo delle realizzazioni umane.

La mia definizione preferita è che questo progetto si avvale delle persone in un modo nuovo e particolarmente attivo. Non è solo studiare le persone o chiedergli di scaricare un programma. Impari molto e oltre a poter individuare qualcosa di unico puoi anche influenzare il modo in cui vengono raccolti i dati - raccogliendo qualcosa di nuovo, per esempio, o cercando di correlare una cosa con un'altra in un modo mai fatto prima. La mia impressione è che le scoperte dello Zoo stanno contribuendo enormemente alla cosmologia - non so se degno di un Premio Nobel per le scoperte - ma so che un nuovo passo sulla via della scienza è stato fatto.

Half65: Cosa risponderesti a quanti pensano che partecipare sia solo un'inutile persita di tempo ?
Alice: Sorrido, dico loro che non sento assoluitamente il bisogno di forzare nessuno e lasciare che ognuno rimanga se stesso. Naturalmente se mi pongono delle domande impiegheranno molto tempo per farmi star zitta. In realtà mi sento spesso un po' in imbarazzo a feste o incontri quano qualcuno mi chiede che cosa faccio e, prima che me ne accorga, tutta la stanza sta' ascoltando.

Half65: Nelle tue esperienza maturate come insegnante pensi che siano importanti questi progetti anche da un punto di vista didattico ?
Alice: La mia esperienza come insegnante è stata molto dolorosa - non ho mai completato il corso - così, purtroppo, al momento sono abbastanza cinica. Il mio scopo è crescere giorno per giorno e divenire utile ! E' stato una grande dolore per me non poter deviare dal piano di lezioni preordinato, nenahce per un minuto, per poter raccontare qualcosa di interessante agli alunni, anche se erano in ascolto rapiti - o che non abbiano potuto dedicare un po' del loro tempo libero solo per ammirare le cose, condividere storie di scienza e mostrare loro cosa c'è oltre l'orizzonte. Ho dovuto attenermi "agli obiettivi" e preimpostare le domande "perchè non vogliono capirle" o "tu stai sprecando il loro prezioso tempo per la preparazione agli esami". Mi faceva star male che tutto fosse incentrato sugli esami. Si tratta piuttosto di dire quante persone vedono una Glassia ed un argomento di discussione d dicono: "Questa supposizione è confusa, qual'è la risposta giusta ?" Quando spiego loro che non c'è una risposta giusta, non esiste nel retro di un libro di testo segreto, non c'è prova e che siamo noi a generare la prima risposta ad ogni risposta, questo arriva come una rivoluzione assoluta.

Per me la scienza scolastica era una prigione senza finestre ma progetti come lo zoo ti rendono libero. Potete divertirvi, non dovete preoccuparvi degli esami e degli obiettivi e dei vincoli governativi, si tratta dei vostri interessi. E voi avete una missione vera, non un esercizio di prova dove selezionare una casella. Tu vedi, e fai, la scienza così come è in contrapposizione con l'impressione del tutto errata che si riceve a scuola. Penso che ad un sacco di gente non piace e addirittura disprezza la scienza, preferendo rivolgersi a cose fantasionse come l'astrologia o sensitivi che appaiono più immaginativi e di bell'aspetto, solo perchè il loro interesse si è spento a scuola. Essere coinvolti in progetti come GalaxyZoo insegna il giusto metodo scientifico, così come la meraviglia di ciò che è veramente là fuori e la familiarità con essa, probabilmente, consente alle persone di prendere decisioni migliori. Una società maggiormente educata da un punto di vista scientifico, ad esempio, sceglierà le proprie politiche basandosi sulle prove piuttosto che sulle pubblicazioni dei tabloid. Sono molto, molto confidente di quello che progetti come GalaxyZoo possono raggiungere per l'istruzione e la società, così come per la scienza.

Half65: Oltre a moderare egregiamente il forum partecipi attivamente alla divulgazione delle conoscenze in campo astronomico e scientifico in generale. Hai mai avuto la sensazione di essere snobbata da studiosi e scienziati del settore o percepito un qualche senso di distacco da parte loro ?
Alice: Perchè ! La gente in genere non mi snobba. Naturalmente vengo spesso corretta da persone più istruite, alle quali sono grata (quelli che lo fanno in modo offensivo o riformulano o non durano a lungo). Anche io, occasionalmente, vengo indicata dai media come un utente dello zoo, e può sembrare un po' limitativo rispetto alle mie classificazioni ed al lavoro svolto nel forum, ma questo non è colpa di nessuno. Ho ricevuto un imbarazzante ma molto toccante numero di riconoscimenti da scienziati e da persone circa i miei sforzi per spiegare e entusiasmare - questo non manca mai di commuovermi - per non parlare di quanto sia di stimolo a lavorare duramente per fare le cose nel modo giusto (Ho paura di pensare al numero di persone che posso aver male informato). Vorrei a volte poter lavorare a più stretto contatto con gli ZooKeeper, ma nonostante abbia avuto modo di conoscerli - e loro sono molto gentili nello spiegarmi le cose - sono contenta di non essere un accademico. Non fa per me: invece io ho il privilegio di avere la mia nicchia.

Half65: Hai recentemente partecipato alla conferenza internazionale "She Is an Astronomer". Puoi descrivere brevemente in cosa consiste l'iniziativa ?
Alice: Nel mondo, non molte donne sono astronomi e questo varia da nazione a nazione - alcune raggiungo la metà ed altre non hanno donne affatto. E' abbastabza chiaro che ciò è dovuto a questioni sociali, non al fatto che le donen siano meno brave degli uomini, così "She Is an Astronomer" (Lei è un Astronomo) vuole raggruppare insieme molte donne astronomo per discutere di ciò che potrebbe incoraggiare più donne alla scienza e perchè tante sono escluse dagli alti livelli. Abbiamo scoperto un sacco di pregiudizi inconsci e non intenzionali, in entrambi i sessi. Abbiamo convenuto che si debba mostrarsi in pubblico di più, non concentrarsi tranquillamente sul nostro lavoro e assicurarci di nominare delle donne per i premi ed invitarle in qualità di oratori. D'altro canto, abbiamo anche la sensazione che il mondo accademicodebba fare alcuni cambiamenti, piuttosto che aspettarsi che le donne diventino più simili agli uomini. E' stato un convegno davvero fantastico e spero prorio di essera stata una componente utile a questo importante movimento.

Half65: Adesso puoi dire quello che vuoi.
Alice: Cosa, non sei ancora annoiato ? Bene, vorrei avere più tempo o meglio vorrei poter organizzare il mio tempo in modo migiore - per poter gestire più velocemente tutte le attività in corso nell'Hubble Zoo. Mi sento un po' dimenticata e tutti mi accusano perchè i nostri tutorial non sono più aggiornati. D'altra parte la comunità è ormai così grande e sapiente che non posso fare tutto da sola - e non voglio. Ho la sensazione che presto svanirò nell'oblio man mano che sempre più progetti prendono vita e sempre più persone sono interessate, per cui sto' pensando di specializzarmi !

Half65: Un'ultima domanda. Cosa hai pensato quando ti ho chiesto ri rilasciare questa intervista ?

Alice: Sono stata molto lusingata e grata di aver avuto cosi tanto spazio (puoi tagliare quello che vuoi (NdR: impossibile, a cosa rinunciare ?)). Hai posto domande estremamente interessanti, penetranti e sapienti, tra l'altro, mostrando di essere un vero esperto do cosa sta' accadendo (NdR: come al solito sempre esageratamente gentile nei miei confronti). Sei un eccellente intervistatore, io credo, che pone le domande giuste per per consentire di raccontare in modo approfondito, narrare storie e non vedo l'ora di leggere quel che farai ad altre persone. (NdR: chissà che non rimanga la prima e l'ultima).

Half65Interessante vero.
E' stato un bell'esperimento ed anche un bell'esercizio, soprattutto per migliorare il mio inglese.
Naturalmente nello scegliere Alice sapevo già di andare sul sicuro.
Un sentito ringraziamento per la profondità e sincerità delle risposte.
Alice è sempre un fondamentale punto di riferimento per tutto lo zoo.
Grazie Alice.

Friday, May 21, 2010

449 Galaxies overlapped by M31 (English - Italiano)

Who has read some of my previous posts knows that I am particularly attracted by the galaxies optically superimposed (Overlapping Galaxies).
Paul Hodge, from University of Washington (Seattle), and Karl Krienke, from Seattle Pacific University (Seattle), published a study on the subject available at the following link.
In particular, starting from the study of 30 images of the Galaxy M31 (the Andromeda Galaxy) captured by the Hubble Space Telescope (HST) they have identified and analyzed 449 galaxies visible throught the disk of the galaxy itself.
Happy reading.

M31 in Infrared
 Credit: NASA / JPL-Caltech / UCLA
Chi ha letto alcuni miei precedenti post sa che sono particolarmente attratto dalle galassie otticamente sovrapposte (Overlapping Galaxies).
Paul Hodge, dell'University of Washington (Seattle), e Karl Krienke, della Seattle Pacific University (Seattle), hanno pubblicato uno studio sull'argomento reperibile al seguente link.
In particolare partendo dallo studio di 30 immagini della Galassia M31 (La galassia di Andromeda) catturate dall'Hubble Space Telescope (HST) hanno individuato e analizzato ben 449 galassie visibili attraverso il disco della Galassia stessa.
Buona lettura.

Friday, May 14, 2010

Galaxy Zoo Hubble - (Italiano)

Come già specificato in precedenti posts le informazioni, in Italia, sul progetto GalaxyZoo non sono molto diffuse ad esclusione di scarni trafiletti sul alcune riviste e siti specializzati.Ho così pensato, come fatto in precedenza, di scrivere un post solo in Italiano.
As just said in previous posts the information, in Italy, on GalaxyZoo are not very common except little arcticle on some specialized magazines and websites.I thougth so, as before, to write a post only in Italian. 

L'ultima evoluzione dell'originale progetto di GalaxyZoo è costituito da GalaxyZoo Hubble

In particolare il metodo ed il sistema di classificazione è derivato da quello di GalaxyZoo2 e richiede quindi anch'esso un maggior numero di click rispetto all'originale GalaxyZoo1.

Le immagine utilizzate questa volta non provengono dallo Sloan Digital Sky Survey ma dal telescopio spaziale Hubble. Le immagini sono più dettagliate e, grazie alle differenti caratteristiche del HST, "guardano" più lontano nello spazio.
Come per i precedenti lo scopo è raccogliere informazioni sulla configurazione delle galassie e le loro eccezioni. La possibilità offerta dal HST di vedere "più lontano" e quindi andare "indietro nel tempo" consentirà di ottenere informazioni utili allo studio dell'evoluzione delle galassie. Sarà possibile indagare le galassie che si fondono  tra loro (Merging Galaxies) e capire, ad esempio dal loro numero, in che percentuale hanno contribuito alla formazione delle galassie attuali.
Come ormai consuetudine esiste una pagina nella quale apprendere come partecipare (How to take part) e nella quale vengono spiegate le caratteristiche di ogni singolo tasto e vengono presentati numerosi esempi. Rispetto a GalaxyZoo2, illustrato in un precedente post, sono state aggiunte delle scelte di classificazione in più.
Particolarmente interessanti, nella suddetta pagina, i video che mostrano gli esempi per il riconoscimento delle lenti gravitazionali (These are lenses e These are not lenses).
Sono sempre presenti il forum originale del progetto, dove poter porre domande, segnalare curiosità, imparare molto e "conoscere" gli zooities ed un blog dove seguire l'evolversi del progetto ed i risultati conseguiti direttamente dai membri del progetto.

Per partecipare, come gli altri progetti, non sono richieste conoscenze scientifiche o particolari capacità.
Il contributo di tutti, anche di poche classificazioni, è importante ed il consiglio, come sempre, è provare.


Tuesday, May 11, 2010

Zoouniverse - Nuovo progetto - (Italiano)

Come già specificato in precedenti posts le informazioni, in Italia, sul progetto GalaxyZoo non sono molto diffuse ad esclusione di scarni trafiletti sul alcune riviste e siti specializzati.Ho così pensato, come fatto in precedenza, di scrivere un post solo in Italiano.
As just said in previous posts the information, in Italy, on GalaxyZoo are not very common except little arcticle on some specialized magazines and websites.I thougth so, as before, to write a post only in Italian.

Un nuovo progetto di ricerca al quale potete partecipare è stato rilasciato nella sua forma definitiva.
Il nuovo progetto riguarda la classificazione di crateri lunari.

Ho aggiornato anche il relativo post su Zooniverse.

Friday, May 7, 2010

The Rome Planetarium - Il Planetario di Roma (English - Italiano)

The Planetarium of Rome was historically located in the Octagonal room, called the Minerva, near the Baths of Diocleziano, in the city center.
Opened the 28th October 1928 was equipped with a projector ZEISS II donated from Germany to Italy as a war reparation of WWI. The instrument, composed by 150 microlenses, for the brightest stars, and 5.000 pinholes for the faintest stars, was a true wonder of optics and made the Planetarium of Rome one of the most important in Europe and the first in Italy.
In 1980, for making the restoration of the Octagonal room, the instrument was removed and placed in a series of crates and, delivered at "La Sapienza" University of Rome, was filed, or rather buried, at Astronomical Observatory of Monteporzio (Rome).The city was thus deprived of a rare and fundamental area of scientific interest and one of the landmark of great importance, not only for the citizenship but also for Italians and foreigners visitors, vanished.

After twenty years of oblivion Rome, finally, had the pleasure to see the new Planetarium opened, in a new location, in May 2004.The new site, even if is not in the city center, is located in the beautiful surroundings of the "Museum of Roman Civilization" thus allowing to merge ancient past and modern time.

The old Zeiss projector, the only one remaining in the world, makes a fine show of himself at the new facility and it still retains its original charm.

The new Planetarium occupies an area of about 300 square meters and consist of a dome 14 meters in diameter with 100 seats. The old Zeiss was replaced by an optical projector 88SN, French-built, fully automated able to recreate about 4.500 stars plus planets.The shows presented vary to fit all ages from children to older students to adult and you can travel in space but also in time.
Next to the Planetarium was created an Astronomy Musuem composed by models, dioramas and interactive stations.Very interesting and suggestive are the 3D representation of the planets, especially attracting for children, and the mechanical device (orrery) for simulating and understanding the phenomena of eclipse.
For more information, visit the official website

The co-location with the Museum of Roman Civilization can also make a leap into the past due to the presence of ancient works and the numerous reconstructions, with models and dioramas, of roman buildings and machines of war and siege.
Of particular importance the plaster casts of Traiano's Column and the large model of Imperial Rome, which occupies an area of 200 square meters (In figure a detail with the Colosseum).
For more information, visit the official website of the Museum



Il planetario di Roma aveva la sua sede storica nella sala Ottagona, detta della Minerva, presso le Terme di Diocleziano, nel centro della città.
Inaugurato il 28 ottobre 1928 era dotato di un proiettore ZEISS II donato dalla Germania all'Italia come riparazione dei danni di guerra della I Guerra Mondiale. Lo strumento, dotato di 150 microobiettivi, per le stelle più brillanti, e di 5.000 fori stenoscopici, per le stelle più deboli, era una vera meraviglia dell'ottica e rendeva il planetario di Roma uno dei più importanti d'Europa ed il primo in Italia.
Nel 1980, per effettuare dei lavori di restauro della sala Ottagona, venne rimosso e riposto in una serie di casse e, consegnato all'Università La Sapienza di Roma, venne depositato, o per meglio dire tumulato, all'Osservatorio Astronomico di Monteporzio (RM).
La città venne così privata di uno dei rari e fondamentali luoghi di interesse scientifico presenti, venendo a mancare, sia alla alla cittadinanza che ai numerosi visitatori, sia italiani che stranieri, un punto di riferimento di grande rilievo.


Dopo vent'anni di oblio Roma ha avuto finalmente il piacere di veder inaugurato il nuovo planetario in una nuova sede nel maggio 2004.

La nuova collocazione, pur se decentrata rispetto all'originale, si trova nella splendida cornice del Museo della Civiltà Romana consentendo così di poter unire antico e moderno.

 Il vecchio proiettore Zeiss, unico esemplare rimasto al mondo, fa bella mostra di se all'ingresso della nuova struttura conservando ancora intatto il suo fascino.

Il nuovo Planetario occupa un spazio di circa 300 mq ed è costituito da una cupola di 14 metri di diametro con 100 posti a sedere. Il vecchio Zeiss è stato sostituito da un proiettore ottico SN 88, di costruzione francese, totalmente automatizzato in grado di proiettare circa 4500 stelle oltre ai pianeti.
Gli spettacoli presentati variano da quelli per bambini a quelli per gli studenti più grandi e per adulti ed è possibile viaggiare non solo nello spazio ma anche nel tempo.
Accanto al Planetario è stato realizzato un Museo Astronomico costituito da modelli, diorami e postazioni interattive.
Molto interessanti e suggestive sono le riproduzioni in 3D dei pianeti, che attraggono soprattutto l'attenzione dei più piccoli, ed il dispositivo meccanico (orrery) per la simulazione e la comprensione dei fenomeni delle eclissi.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale

La coubicazione con il Museo della Civiltà Romana consente anche di effettuare una salto nel passato grazie alle opere qui conservate ed alle numerose ricostruzioni, con plastici e diorami, di edifici e macchine da guerra e da assedio. Di particolare rilievo i calchi in gesso della colonna traiana ed il grande plastico di Roma Imperiale che occupa una superficie di ben 200 mq (nella foto un particolare con il Colosseo).

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale del Museo


Zooniverse - L'evoluzione (Italiano)

Come già specificato in precedenti posts le informazioni, in Italia, sul progetto GalaxyZoo non sono molto diffuse ad esclusione di scarni trafiletti sul alcune riviste e siti specializzati.Ho così pensato, come fatto in precedenza, di scrivere un post solo in Italiano.
As just said in previous posts the information, in Italy, on GalaxyZoo are not very common except little arcticle on some specialized magazines and websites.I thougth so, as before, to write a post only in Italian.

Il progetto affonda le sue radici nel caro vecchio GalaxyZoo, inziato nel luglio del 2007.
La popolarità ed il gran numero di partecipanti ne hanno decretato il successo e la sua prosecuzione con altri progetti correlati, sempre di carattere astronomico.

Zoouniverse nasce per essere "la casa", così come definito nel sito ufficiale, del progetto di "citizen science" più grande, più popolare e di maggior successo (citazione dal sito ufficiale: "The Zooniverse is home to the internet's largest, most popular and most successful citizen science projects.")

Zoouniverse è quindi un portale attraverso il quale accedere a tutti i progetti in atto e potervi partecipare.

Attualmente i progetti attivi sono:
- Galaxy Zoo Hubble, naturale prosecuzione di Galaxy Zoo 2;
- Solar Stormwatch, sull'attività solare;
- Galaxy Zoo Mergers, sulla simulazione delle interazioni fra galassie;
- Galaxy Zoo Supernova, per l'individuazione delle supernova.
- Moon Zoo, per la individuazione dei crateri lunari

Come per i precedenti progetti non è necessario essere uno scienziato o avere particolari conoscenze astronomiche per partecipare.
Provate per verificarlo di persona.